Tariffe Servizio Gas Metano
CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA
  L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha stabilito (Delibera Arg/gas 79/09 e successive modifiche) una tariffa da applicare ai clienti finali in regime di tutela composta da una tariffa di distribuzione e da una tariffa di vendita.
TARIFFA DI DISTRIBUZIONE
  E' il prezzo pagato alla società di distribuzione locale per l'utilizzo della rete di distribuzione locale. La tariffa obbligatoria di distribuzione (Delibera Arg/gas 79/09 e successive modifiche) è composta da una parte fissa ed una parte variabile e con prezzi diversi a seconda dell'ambito tariffario (area geografica con le medesime tariffe). L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha definito i seguenti 6 ambiti tariffari:
. Ambito nord occidentale, comprendente le regioni Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria;
. Ambito nord orientale, comprendente le regioni: Lombardia, Trentino - Alto Adige, Veneto, Friuli - Venezia Giulia, Emilia - Romagna;
. Ambito centrale, comprendente le regioni Toscana, Umbria e Marche;
. Ambito centro-sud orientale, comprendente le regioni Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata;
. Ambito centro-sud occidentale, comprendente le regioni Lazio e Campania;
. Ambito meridionale, comprendente le regioni Calabria e Sicilia

La quota fissa di distribuzione è determinata annualmente ed addebitata in fattura con un importo giornaliero secondo i giorni di consumo del periodo; la parte variabile viene applicata al gas consumato suddiviso per scaglioni. Gli scaglioni di consumo sono otto e vengono misurati in metri cubi standard (Smc). Il superamento dello scaglione avviene per "riempimento" all'interno dell'anno solare. La tariffa associata ad ogni scaglione decresce all'aumentare del consumo. I volumi prelevati ai gruppi di misura non dotati di convertitore verranno adeguati mediante l'applicazione del coefficiente di correzione dei volumi misurati per il gas "C", secondo quanto stabilito dall'AEEG (che riporterà il consumo rilevato in mc alle condizioni standard - Smc).
TARIFFA DI VENDITA
  La quota vendita è composta da una parte fissa (determinata annualmente ed addebitata in fattura con un importo giornaliero, secondo i giorni di consumo del periodo) e da una parte variabile legata al consumo espressa in metri cubi standard (Smc). Comprende il costo per l'acquisto del gas all'ingrosso, per il trasporto, per lo stoccaggio e per tutte le altre attività legate alla vendita.
La parte variabile comprende:
. Componente QTI. a copertura del costo di trasporto del gas naturale sostenuto per il trasporto su rete nazionale.
. Componente QS. a copertura del costo di stoccaggio del gas naturale
. Componente CCI a copertura del costo d'acquisto del gas naturale
. Componente QVD. per la remunerazione dell'attività svolta
. Componente QOA. a copertura degli oneri generali di sistema

Le componenti vengono definite e regolate dall'AEEG che ne provvede a definire i criteri e modalità di aggiornamento. Le tariffe di venditavengono definite in €/GJ e convertite in Smc con il parametro PCS. Il parametro PCS esprime il potere calorifico superiore convenzionale ed è differenziato per impianto e per anno solare. Il valore del PCS viene indicato in tutte le fatture. I volumi prelevati ai gruppi di misura non dotati di convertitore verranno adeguati mediante l'applicazione del coefficiente di correzione dei volumi misurati per il gas "C", secondo quanto stabilito dall'AEEG (che riporterà il consumo rilevato in mc alle condizioni standard - Smc).
COMPONENTI DI NATURA FISCALE
  Alla tariffa finale vanno aggiunte le componenti di natura fiscale:
. l'imposta di consumo, differenziata per area geografica e per consumo di competenza statale . l'addizionale regionale, variabile da una regione a regione . l'I.V.A. applicata all'importo complessivo (comprensivo di imposta di consumo e addizionale regionale e differenziata (10% o 20%) a seconda della fascia di consumo, calcolata nell'anno solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre).

Le aliquote hanno importo differente a seconda dell'ubicazione geografica dell'utenza e del consumo. Dal 1° gennaio 2008 il numero 127-bis tabella A parte III del D.P.R. n. 633 del 1972 prevede l'applicazione dell'aliquota IVA del 10% per la somministrazione di gas naturale usato per combustione per usi civili limitatamente a 480 mc annui.

Tariffe in vigore dal 01 Ottobre 2009
Tariffe in vigore dal 01 Gennaio 2010
Tariffe in vigore dal 01 Aprile 2010
Tariffe in vigore dal 01 Luglio 2010
Tariffe in vigore dal 01 Ottobre 2010
Tariffe in vigore dal 01 Gennaio 2011
Tariffe in vigore dal 01 Aprile 2011
Tariffe in vigore dal 01 Aprile 2013
Tariffe in vigore dal 01 Luglio 2013
Tariffe in vigore dal 01 Luglio 2015
Tariffe in vigore dal 01 Ottobre 2015
Tariffe in vigore dal 01 Gennaio 2016
Tariffe in vigore dal 01 Aprile 2016
Tariffe in vigore dal 01 Luglio 2016
Tariffe in vigore dal 01 Ottobre 2016
Tariffe in vigore dal 01 Gennaio 2017
Tariffe in vigore dal 01 Aprile 2017
Tariffe in vigore dal 01 Luglio 2017